Ipnosi Regressiva alle vite precedenti

L’ipnosi regressiva, secondo il metodo di famosi psichiatri come Moody e Brian Weiss, è una soluzione efficace per integrare e superare le tematiche ricorrenti, le fobie, le problematiche della vita attuale attraverso la conoscenza e l’integrazione delle esperienze passate di questa e di altre vite.

Permette di sperimentare gioia infinita nel potersi pienamente comprendere e sentire un’anima immortale.

Perché fare una seduta di regressione alle vite precedenti?

Potrai sperimentare uno stato di rilassamento ed ampliamento della tua mente inconscia che potrà permetterti di accedere ad un’esperienza spirituale bellissima e profondamente trasformativa.

Attraverso la possibilità di comunicare con il tuo conduttore avrai l’occasione di integrare e comprendere immediatamente il significato delle immagini, delle sensazioni e delle emozioni che sperimenterai, comprendendo i legami di quelle esperienze con la tua vita attuale. Ogni sessione individuale di ipnosi regressiva ha una durata di circa 2 ore.

Cosa potrai sperimentare e quali sono i possibili benefici dell’ipnosi regressiva?

  • Rivedere episodi, luoghi ed immagini di altre esistenze ti permetterà di comprendere che la tua Essenza spirituale è immortale
  • Incontrare e riconoscere persone, famigliari, amori che ancora sono presenti nella tua vita e con le quali hai già condiviso esistenze e comprendere così il valore ed il compito di queste relazioni
  • Individuare il tuo “progetto di vita” in base alle consapevolezze che affioreranno
  • Sciogliere paure e traumi che derivano dalle tue esistenze precedenti, comprendendo che non è più necessario per te reagire ad esse nella tua attuale esistenza
  • Ricevere messaggi dalle tue guide spirituali, importanti per la tua vita attuale
  • Divenire profondamente consapevole della tua forza spirituale, della tua capacità di essere creatore di un’esistenza d’amore, pienamente ed autenticamente libera.

L’accesso alle sessioni individuali di ipnosi regressiva avviene previa compilazione e successiva analisi di un test orientativo volto a stabilire il miglior metodo d’approccio per garantire fin da subito l’esperienza migliore al richiedente ed, eventualmente, suggerire un posticipo dell’esperienza stessa in un momento successivo.

All’eventuale compilazione del test, può seguire una richiesta di colloquio telefonico per meglio valutare l’opportunità della sessione.

Il metodo utilizzato nelle sedute di ipnosi regressiva delle vite precedenti

Il metodo di riferimento che utilizzo nelle sedute di regressione alle vite passate è principalmente quello che fa riferimento ai modelli di studio di Brian Weiss, Rudolf Steiner, Ian Stevenson e Raymond Moody.

La mia esperienza come regressore immaginale mi permette di mettere a tua disposizione anche un ventaglio di tecniche che fanno riferimento alla scuola di James Hillman, con ampi ed importanti riferimenti all’integrazione del vissuto a livello archetipo.

Cosa succede durante la seduta di regressione alle vite precedenti?

Durante la seduta, attraverso un rilassamento progressivo e piacevolissimo entri in un altra dimensione di te stesso sperimentando un profondo stato di benessere e di rilassamento psico- fisico attivato dal flusso delle endorfine.

Puoi sperimentare il piacere di momenti di “non-pensiero”, in cui hai la percezione di una realtà senza l’interposizione di diaframmi interpretativi, sospendendo ogni giudizio, sperimentando una dimensione “senza tempo”.

Affini le tue capacità mnemoniche, sensoriali ed emotive in un’ atmosfera di graduale liberazione dalle tensioni e dai blocchi la mente finalmente si schiude rivelandoti i misteri e le meraviglie del tuo “passato più profondo”.

Come si esce dallo stato di ipnosi regressiva?

Il ritorno a uno stato di veglia ordinaria o quello che possiamo chiamare l’uscito dallo stato di trance ipnotica viene condotto attraverso la voce dell’ipnologo, esattamente come avviene nella fase di ingresso.

Si tratta quindi di un’uscita controllata.

Ogni quanto tempo si può fare una seduta di regressione alle vite passate?

Tra una seduta e l’altra di regressione alle vite passate consigliamo di far intercorrere un periodo di circa un mese.

Gli effetti positivi della seduta continueranno ancora per diversi giorni facendo affluire alla tua mente, ricordi, idee e consapevolezze ed al tuo corpo nuove sensazioni; durante le notti successive alla seduta é possibile che tu faccia alcuni sogni particolarmente significativi per te.

Tra una seduta e l’altra una buona abitudine è quella di tenere un diario dei tuoi sogni.

Quali sono i requisiti per fare una seduta di ipnosi regressiva?

Non ne esistono di particolari in quanto la trance ipnotica è uno stato naturale della mente che può essere indotto attraverso diverse tecniche.

L’unica difficoltà che potremmo trovare nella fase di ingresso ad una trance sufficiente per accedere all’esperienza di ipnosi è data dall’assunzione di specifici farmaci o da una resistenza allo stato di rilassamento profondo e abbandono della mente che però è una condizione estremamente rara.

Quante sedute di ipnosi regressiva si possono fare?

Puoi fare anche una sola seduta di regressione alle vite passate o comunque solo quel numero di sedute che tu desideri e che senti intuitivamente utili per te. In modo molto indicativo un buon percorso con la regressione alle vite passate ripercorre il numero dei mesi della gestazione.

Come ci si sente dopo una seduta di ipnosi regressiva?

La sensazione più comune è di benessere e alleggerimento.

Sicuramente sono presenti diverse sfumature emozionali che possono andare dalla genuina sorpresa per le immagini appena vissute a una leggero stato di sospensione o intorpedimento come se ci si fosser risvegliati da un sonno particolarmente profondo e ristoratore.

Tutte queste sensazioni sono transitorie quindi, nell’arco di breve tempo, vengono regolarizzate in maniera spontanea.

È possibile fare una seduta di ipnosi regressiva insieme a una persona con la quale ci si sente legati?

Certo, naturalmente dovremo concordare insieme precedentemente questo tipo di sessione poichè ci sono modi e tempi differenti da dover considerare affinchè la seduta sia ugualmente efficace e utile.

Quali sono i rischi o gli effetti collaterali di una seduta?

Una sessione di ipnosi regressiva alle vite precedenti, se condotta secondo capacità e consapevolezza provate, di fatto non presenta alcun tipo di rischio.

L’effetto collaterale più comune è quello di sentirsi lievemente intorpiditi o sospesi in quello stato simile al risveglio da un sonno profondo che può rdurare per qualche ora.

Può essere che i soggetti più sensibili possano mantenere questo stato di alterazione comunque positiva che non incida in maniera nè problematica nè significativa sulle normali attività di veglia anche per le 24 o 48 ore successive al termine della seduta.

Il rischio di una estrema sensibilizzazione emotiva dovuta all’esperienza è molto remoto e può essere tenuto sotto controllo, prima di tutto, dalla capacità dell’ipnologo di gestire il vissuto e le emozioni emerse durante la sessione ma anche dal fatto che vi è un colloquio preliminare che tiene conto delle particolarità emotive della persona.

Quante volte si rinasce? Quante vita ha l’anima?

Il modo migliore per trovare risposta a questa domanda è guardare questo video che ho dedicato.

Come posso aiutarti?

Se hai dubbi o curiosità a cui vorresti dar risposta o se vuoi chiedermi qualche informazione riguardo i temi di cui mi occupo, scrivimi subito un messaggio e io ti risponderò con molto piacere al più presto. Ti basta compilare il form qui sotto!

Privacy Policy

12 + 12 =